Lucio Filippucci

Nasce a Bologna nel 1955. Nel 1975 comincia a lavorare per le numerose serie della Edifumetto"di Renzo Barbieri. Nel 1979 succede a Milo Manara nella serie Chris Lean sulla rivista Corrier Boy, per la quale illustra anche numerose storie brevi. Parallelamente illustra numerose campagne pubblicitarie per il comune di Bologna e la regione Emilia Romagna. Suoi anche i disegni di libri come Il Manuale di autodifesa televisiva di Patrizio Roversi (Sperling & Kupfer) e Il Manuale della tap model di Syusy Blady (Longanesi). Collabora a lungo con "Panini" e con le Case editrici di libri per l'infanzia "Piccoli" e "Juvenilia" e, nel 1992, vince assieme ad Alberto Savini, con il libro Quel tunnel sotto la scuola, il “Premio Lunigiana”. Nel 2001 il museo di arte moderna di Prato gli dedica una mostra personale. All'inizio degli anni '90 inizia il suo rapporto con Sergio Bonelli Editore e diventa una delle colonne dello staff della collana  Martin Mystère. Nel 1998, su sceneggiatura di Alfredo Castelli lavora alle avventure del Docteur Mystere, pubblicate sugli Almanacchi del Mistero e ristampate in edizione ampliata e a colori in numerosi paesi europei.
Illustra per i tipi Pendragon i libri di Maria Gabriella Buccioli (sua moglie): nel 2003 I giardini venuti dal vento, che riceve il premio "Giardini botanici Hanbury", nel 2009 Chiacchiere di giardinaggio insolito, e nel 2016 Una giardiniera in cucina.
Premio Cartoomics nel 2004 e Premio A.N.A.F.I. nel 2005 e come miglior disegnatore. Nel 2008 riceve la targa Grandi Autori dal Comune di Falconara.
Entrato nello staff di "Tex", ha realizzato il ventiduesimo "Tex gigante" su sceneggiatura di Gino D'Antonio e vari episodi della serie regolare su sceneggiatura di Claudio Nizzi  e Pasquale Ruju. Oggi, dopo avere realizzato le copertine per la nuova serie a colori di Martin Mystere per le quali riceve il Premio Atlantide, continua la sua collaborazione sulla serie mensile di Tex.